Fortunatamente l’era del cortisone è finita

Il cortisone è un farmaco terapeutico utilizzato per combattere disturbi che vanno dall’asma all’artrite. È stato il miglior amico dell’atleta per tutto il 20 ° secolo. Ma in ortopedia, c’è un lato negativo significativo.

Il cortisone è prodotto naturalmente dalla ghiandola surrenale del corpo e influenza il funzionamento della maggior parte dei sistemi del corpo.

Dopo la scoperta delle sue proprietà antireumatiche nel 1948 e la sua produzione commerciale sintetica subito dopo, il farmaco è stato iniettato in ogni articolazione gonfia, ogni tendine infiammato, mal di schiena e corpo dolorante. La natura antinfiammatoria del farmaco calmava il dolore e riduceva il gonfiore.

Ora sappiamo che un’iniezione di cortisone interferisce con il naturale processo di guarigione del corpo, che funziona in questo modo: Quando i tessuti sono sovrautilizzati, stirati o strappati, le cellule di quei tessuti rilasciano fattori che reclutano vasi sanguigni, cellule staminali e fattori curativi.

Il cortisone chiude questo processo di reclutamento cellulare, riducendo il gonfiore, ma purtroppo inibendo la guarigione. Il risultato è che i tessuti indeboliti rimangono nello stato indebolito per un periodo di tempo più lungo, a volte esponendo l’atleta a ripetere lesioni o danni permanenti. Questa droga di panacea ha sempre avuto questo rischio nocivo nascosto. Se usati troppo spesso o nel posto sbagliato come il tendine di Achille, i tessuti possono rompersi completamente e non tornare mai allo stato completo e non lesionato.

La tendinite è un grande esempio. Spesso inizia dal gomito, ad esempio, dopo un duro golf o un colpo di tennis, e diventa cronicamente dolorante a causa di micro rotture nel tessuto che non riescono a guarire. Il tessuto nel tempo diventa cronicamente degenerativo e dolente. Il cortisone a volte aiuta ma non fa nulla per riparare l’infortunio e spesso lo indebolisce ulteriormente.

Fortunatamente l’era del cortisone è finita. Ci siamo resi conto che la migliore risposta al danno tissutale è stimolare una guarigione più forte, nutrire le cellule che stanno tentando di riparare la ferita e reclutare più progenitore o cellule staminali per guidare il complesso processo di guarigione.

Questa stimolazione tissutale viene effettuata combinando un’accurata mobilizzazione precoce dei tessuti, spesso eseguita da terapeuti esperti, mediante esercizi precoci di giuntura e tessuti che stimolano la riparazione piuttosto che irritano la ferita e mediante l’applicazione diretta di fattori di crescita e talvolta di cellule staminali.

E non sono solo le cellule staminali. Combiniamo anche lubrificanti articolari come l’acido ialuronico con fattori di crescita quando iniettiamo nelle articolazioni per stimolare la produzione di lubrificazione aggiuntiva. Frazioni antinfiammatorie specifiche dei fattori di crescita vengono combinate per produrre sia sollievo dal dolore che stimolazione tissutale. Nel prossimo futuro, probabilmente utilizzeremo proteine come le albumine più recenti, attualmente in studi clinici, che assorbono i componenti infiammatori nelle articolazioni e nei tessuti gonfiati.

Ci sono, ovviamente, tempi in cui la guarigione non si verifica e il cortisone può essere sintomaticamente utile, ma il nostro compito è capire come promuovere la guarigione in quelle situazioni difficili così come i più semplici casi di abuso.

Poiché ora comprendiamo bene il ciclo di guarigione delle lesioni e disponiamo degli strumenti per potenziare il sistema, quasi sempre usiamo i fattori di stimolazione e, auspicabilmente, releghiamo l’arresto del processo di guarigione naturale del corpo fino al 20 ° secolo

Condividi questo articolo